Seleziona una pagina

Intercettazioni illegittime

Indagine Alfredo Romeo

L’inchiesta Consip si continua a smontare e in merito all’indagine su Alfredo Romeo, la Cassazione considera illegittime le intercettazioni.

La Suprema Corte di Cassazione afferma che i decreti autorizzativi delle intercettazioni, devono necessariamente spiegare i motivi che le rendono necessarie, – indicando la base indiziaria del reato -, al fine di verificare l’adeguatezza del mezzo rispetto alle garanzie costituzionali.

Una verifica che va compiuta prima dell’autorizzazione, perché attraverso essa viene verificata la sussistenza dei presupposti che legittimano l’adozione del mezzo di ricerca della prova.

La Cassazione afferma che il Tribunale del Riesame non risulta essere stato adeguato e la motivazione è fortemente carente, in pratica i giudici in merito all’indagine, avrebbero dovuto verificare la legittimità dei decreti autorizzativi delle intercettazioni, i collegamenti tra il reato di criminalità organizzata e Alfredo Romeo, e motivare perché era indispensabile intercettarlo.

Ma tutto questo non l’hanno fatto, e per questo ritengono illegittime le intercettazioni.

Nell’inchiesta Consip che vede coinvolto l’avv. Alfredo Romeo, la Corte di Cassazione bacchetta le Procure, in quanto come viene riportato nelle varie e maggiori testate giornalistiche, all’epoca dei fatti le indagini su Alfredo Romeo sono state condotte con metodi utilizzati nelle indagini dell’antimafia.

Le motivazioni espresse dalla Cassazione, pesano come un macigno, che ha fortemente criticato l’operato dei Giudici di Napoli che hanno valutato il ricorso avanzato dai legali dell’imprenditore.

A seguito delle motivazioni espresse dalla sesta sezione penale della Suprema Corte di Cassazione, i legali di Alfredo Romeo hanno evidenziato che sono già quattro le Sentenze che in appena un anno sono state emesse a favore dell’avv. Alfredo Romeo e quanto accaduto deve portare ad una riflessione sull’uso spesso disinvolto di strumenti coercitivi che vanno a ledere principi e libertà personale dei cittadini.

L’avv. Alfredo Romeo è un imprenditore che ha basato la sua vita sul lavoro, fondando aziende come la Romeo Gestioni e il Gruppo Romeo, una realtà che dà lavoro ad oltre 1500 lavoratori diretti e a circa 20.000 dell’indotto esterno.

© 2018 All right reserved – Powered by Diginame

Pin It on Pinterest

Shares
Share This